APICOLTURA

Nel 2013 Corte Bancare inizia la meravigliosa avventura dell’apicoltura.
Tutto è nato dalla volonta’ di mantenere vivo il bosco di tigli, ricco di essenze spontanee, presente in azienda, che ha ispirato la nascita di una linea di prodotti.

La nostra apicoltura è stanziale, le nostre api producono miele di tiglio, miele millefiori, e miele di bosco direttamente in azienda, raccogliendo il nettare dai fiori , aggiungendo enzimi ed altre sostanze, creano questo prezioso alimento che è ricco di zuccheri semplici, prontamente assimilabili, e di altre sostanze preziose quali acidi, sali minerali, sostanze azotate, e vitamine.

Sono affascinata dall’antica sapienza delle api, entrando in apiario cerco sempre di cogliere ogni sfumatura e insegnamento attraverso il loro magico linguaggio….

Domande e Risposte

Normalmente non più di 30/40 giorni, soltanto in inverno le api operaie vivono fino a 180 giorni

La comunicazione tra le operaie bottinatrici si realizza mediante un comportamento chiamato danza dell’ape. Mediante questo ballo, le operaie che stanno in giro ed incontrano una fonte di alimento comunicano alle altre la direzione e la distanza della fonte rispetto alla colonia alla quale appartengono.

Ogni alveare contiene da 30.000 a 80.000 individui che nella maggior parte sono api operaie: raccoglitrici di nettare, di polline, di propoli, di acqua…

Le api ci sono da quando esiste l’uomo anche se le loro tracce sono meno visibili vista la consistenza del miele, ma grandi autori ci parlano di loro come Plinio il Vecchio che le cita con ammirazione per la loro laboriosità.Essendo il miele nell’antichità l’unica fonte di zucchero, l’ape, sua produttrice, era tenuta in alta considerazione.Nella mitologia greca sono considerate messaggere delle muse per la loro sensibilità ai suoni.

Il canto è prodotto dal moto del volo senza il movimento delle ali. L’energia della vibrazione risuona nel torace. Il canto è un sol diesis o un la naturale. La regina adulta emette il richiamo per una pulsazione di due secondi seguita da una serie di suoni di un quarto di secondo.

potresti tenerlo in luogo fresco, asciutto, protetto dai raggi solari diretti e con scarse escursioni termiche.

Il miele naturale tende a cristallizzare (solidificare), quindi lo troverai allo stato liquido solamente se appena raccolto o se appartenente a varietà come quelle di acacia e castagno, che non cristallizzano nei tempi di consumo.